Ri-storante il nuovo appuntamento con il Restaurant Day

12 maggio 2015
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

Che bello, eccomi nuovamente ad organizzare il Restaurant Day!

restaurant day

Questa volta sarà un evento molto social e molto condiviso, infatti l’evento del Restaurant Day sarà un’ottima occasione per festeggiare il compleanno di Ri-Make! A questo link trovate tutte le info su questa bellissima iniziativa.

Restaurant Day Rimake

L’abbiamo voluto chiamare Ri-storante proprio per intrecciare al meglio i due eventi. Inizio con la descrizione della location: faremo una bella tavolata nella piazzetta davanti a Ri-Make in via Astesani 47 a Milano, e la cena si svolgerà all’aperto viste le belle serate che stanno avvolgendo Milano.

Restaurant Day Rimake

Abbiamo creato diverse combinazioni di menù in modo da venire incontro a tutte le esigenze, naturalmente abbiamo optato per prezzi pop e un menù veg oriented.

menù restaurant day

Vi aspettiamo numerosi al Ri-storante! Mi raccomando è obbligatoria la prenotazione in modo che il cibo non vada sprecato e che tutti possano avere la loro giusta porzione. Per maggiori informazioni e prenotazioni potete scrivere a consylincucina@gmail.com oppure a rimake@autistici.org

A sabato!

 per vostra curiosità eccovi i link dei precedenti Restaurant Day che ho organizzato:

http://www.consylincucina.com/restaurant-day/

http://www.consylincucina.com/la-ricetta-del-restaurant-day/

http://www.consylincucina.com/restaurant-day-guestbook/

http://www.consylincucina.com/restaurant-day-my-second-edition/

http://www.consylincucina.com/la-cena-degli-intolleranti/

http://www.consylincucina.com/gastronomia-casalinga/

 

 

 

 


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Syl, ma che fine hai fatto?

24 luglio 2014
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

work in progress

Syl, ma che fine hai fatto? me lo state chiedendo da un po’! Lo so, lo so, non posto ricette da tantissimo, ma credetemi questo è stato un periodo a dir poco pieno e intenso! Ho fatto tantissime cose e non sempre sono riuscita a inserire le ricette, sappiate però che ho documentato il tutto… quindi appena troverò un po’ di tempo inserirò le ricette che ho inventato!!!

Ma Syl, che cosa hai fatto esattamente??? Ho fatto esperimenti con il sedano, e poi torte, torte, torte, provato nuovi sughi e nuovi tipi di pasta sfoglia, creato focacce dolci e salate, da inzuppo e da leccarsi le dita, ho impacchettato, regalato e fatto assaggiare dei nuovi muffins, ho fatto mercatini, catering, compleanni, pic nic e una splendida cena in bianco, ho esordito come consulente di ricette in dialetto milanese, e poi corsi, convegni, bandi e incontri…

 

 

 


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Riso con fiori di salvia

4 giugno 2014
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

riso con fiori di salvia

Riso con fiori di salvia, a vederlo sembra quasi un cappello di quelli inglesi, quelli che richiamano l’inizio della primavera e che ogni Lady dovrebbe avere nella propria cappelliera, ma invece è un semplicissimo riso basmati con latte di salvia e i fiori di questa fantastica erba aromatica. Appositamente non ho scritto risotto, ma solo riso, perché la preparazione non è da risotto.

riso con fiori di salvia

Questa ricetta era all’interno del Restaurant Day durante la “Cena degli Intolleranti” e qui l’ho riproposta da sola senza le varie salse di accompagnamento, per quelle dovrete aspettare un po’ , ma abbiate pazienza posterò presto la ricetta. Tornando al riso, sicuramente la domanda che vi state facendo è in merito al latte di salvia, ma che cos’è? Come ben sapete vengo influenzata tantissimo dalle  cucine dei paesi che ho visitato, e sempre di più sto seguendo l’influenza dei sapori “primari” ovvero cerco di non inserire in nessuna ricetta gli esaltatori di sapidità, come il sale o affini, questo perché il gusto (ma bisogna abituarcisi) ne guadagna appieno.

fiori di salvia

Per questo motivo sto cercando di insaporire i miei piatti con i sapori “forti” che posso trovare nelle erbe aromatiche, e in questo caso la salvia. Per ottenere il latte alla salvia ho fatto marinare le foglie di salvia nel latte di soia (oppure a vostro piacimento nel latte normale), per una notte intera, questo dopo averlo portato a temperatura di 50° per tre volte. Dovrete poi mixare tutto insieme, filtrandolo alla fine con un colino. Questo è il condimento per il riso basmati, quindi una semplice cottura e se volete la messa in forma, per poi versarci sopra il latte di salvia e decorare con gli splendidi fiori violetti.

fiori di salvia

Come vedete i fiori li ho presi dalla mia pianta di salvia, sono molto buoni, ma non aspettatevi un sapore così marcato come le foglie, anzi i fiori sono molto più delicati. Se desiderate farci delle guarnizioni, ma avete paura che appassiscano immergeteli nella gelatina, io per “La Cena degli Intolleranti” ho però voluto usare fiori freschi perché la gelatina contiene glutine, ma voi divertitevi pure con le varie decorazioni!

fiori di salvia



INGREDIENTI: (Ricetta per 2 persone)
Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: meno di 30 min.

foglie di salvia a piacere
160 riso basmati
1 tazza di latte di soia
fiori di salvia a piacere


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Canederli

30 maggio 2014
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

Canederli

I Canederli sono un piatto che in molti reputano invernale, ma secondo me è più da riciclo in cucina che stagionale! Ho voluto farli per l’iniziativa del Restaurant Day inserendoli come uno dei tanti piatti della Gastronomia Casalinga, e che dire? Sono quelli che hanno avuto maggior successo, per carità non che non abbiano prenotato anche tutto il resto, ma questi sono davvero andati letteralmente a ruba! Ho scelto di farli perché avevo tantissimo pane raffermo (avanzato da un corso di cucina che avevo fatto, mica potevo buttarlo no?) e quindi perché non fare i Canederli?

Canederli

Andiamo in cucina che vi spiego come li faccio io. Diversamente dalle altre ricette, il pane non lo lascio ammorbidire nel latte, non chiedetemi perché ma personalmente mi risulta troppo stopposo alla fine,  preferisco invece che assorba man mano l’umidità degli altri componenti. Quindi in una grande ciotola spezzetto il pane, e a parte faccio rosolare nel burro dello speck tagliato a dadini con un po’ di cipolla, deve rosolare leggermente quindi fatelo a fuoco basso. In un’altra ciotola sbatto uova, latte,  pepe, sale ed erba cipollina tagliata finemente. Ora non so voi, ma io adoro quei pezzettini di formaggio filante che si sciolgono all’interno dei canederli, molti non lo mettono il formaggio all’interno, perché sarebbe “troppo”, io invece lo adoro! Quindi in base alle vostre scelte inserite o meno il formaggio all’interno dell’impasto, io uso un formaggio filante come la fontina, ma siete liberissimi di usare quello che volete, magari non la mozzarella che risulterebbe troppo acquosa.

Canederli

Versate quindi il formaggio tagliato a dadini sul pane, poi il latte con le uova, e alla fine lo speck con la cipolla, mescolate l’impasto in modo che tutti i componenti si possano amalgamare per bene e lasciate riposare per almeno 4 ore coprendo con la pellicola. Una volta passato questo tempo potete preparare i canederli, facendo delle semplicissime palle con l’impasto, non fateli troppo piccoli, tenete conto che a persona ne andrebbero serviti due massimo tre, poi vabbè questa regola in casa nostra non viene applicata, e sinceramente non l’ho applicata nemmeno durante la “Gastronomia Casalinga”!

Canederli

Se li trovate troppo duri aggiungete un po’ di latte, viceversa un po’ di farina, ma non esagerate con nessuno dei due. Dopo averli riposti su un vassoio lasciateli riposare ancora un po’ e poi potrete lasciarli cadere in acqua bollente e aspettare la risalita. Io ho voluto condirli con una fonduta di formaggio e petali di bacon croccante, ma naturalmente sono ottimi anche in brodo e con altri sughi, per esempio con i funghi porcini. Il bello dei canederli è che potete tranquillamente surgelarli in modo da averne sempre di scorta, quindi vi lascio le dosi per farne un bel po’, ovvero per almeno 20 persone!!!!



INGREDIENTI: (Ricetta per 20 persone)
Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: massimo un'ora

Pepe a piacere
1 kg pane raffermo
1 cucchiaino di erba cipollina
1 cipolla
450 gr Speck
1 lt latte
Sale a piacere
3 uova
burro a piacere
400 gr formaggio fontina


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Restaurant Day Guestbook

27 febbraio 2014
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

Ecco il Restaurant Day Guestbook !!! Come ogni ristorante che si rispetti abbiamo voluto fare anche noi il guestbook, ovvero il libro degli ospiti!!! Abbiamo raggruppato i vostri commenti, le impressioni, i sorrisi e i complimenti… grazie a tutti!!!!  vi aspettiamo al prossimo social eating!

Restaurant Day Guestbook

I primi commenti sono degli amici Dario e Susanna:

Restaurant Day Guestbook

Marco e Alessandra

Restaurant Day Guestbook

Christian e Germana

Restaurant Day Guestbook

 

Eva e Matteo

Restaurant Day Guestbook

Grazie ragazzi, è stato davvero fantastico iniziare con voi questa fantastica avventura chiamata Restaurant Day!!! 

Restaurant Day Guestbook

Ecco invece i commenti dei partecipanti alla Smile Dinner:

Restaurant Day Guestbook

Alba e i fantastici Orjola e Dimitri della “TheRomRom

Restaurant Day Guestbook

I mitici Luca e Valeria, e poi Paola e Gianfranco che abbiamo avuto

il piacere di conoscere in occasione del Restaurant Day

Restaurant Day Guestbook

Marisa e Nadia, anche loro conosciute durante il Restaurant Day.

Restaurant Day Guestbook

Come vedete dalle foto, durante la Smile Dinner, eravamo in tanti (ben 17!!!),

mancano i commenti di alcuni,

ma non sarà un problema aggiungerli più avanti !!!

Restaurant Day Guestbook

Oltre al commento scritto, ho voluto assolutamente farvi vedere il commento “visivo” di Dimitri, perché l’espressione, che una buona polenta uncia lascia sul viso delle persone, è perfettamente identica alla sua!

Grazie Dimitri per aver apprezzato la polenta uncia

dello Chef Marco!!!! Restaurant Day Guestbook

per noi come per voi, era la prima volta…

….direi che ce la siamo cavata tutti benissimo!

Grazie!

Syl e Marco

restaurant day

 

 


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

La ricetta del Restaurant Day

17 febbraio 2014
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

restaurant day

La ricetta del restaurant day è la semplicità dell’idea e la passione che ci si mette nel realizzarla. Personalmente ho vissuto questa iniziativa come una delle più belle esperienze legate al mondo food. Sono stata a centinaia di corsi di cucina, non so quanti show cooking, e non parliamo di quanti libri di ricette ho sfogliato, trasmissioni che ho visto….fatto sta che niente mi rende così orgogliosa come cucinare le mie ricette e poi vederle gustare. Parlare degli ingredienti che ho utilizzato, dei procedimenti di cottura… è semplicemente magnifico!

restaurant day

Con il Restaurant Day ho realizzato un mini sogno, anzi un grande sogno perché farlo in casa propria è stato davvero splendido! In molti mi hanno chiesto come facessi ad ospitare completi estranei, persone che non avevo mai visto né sentito in casa nostra. Sarà forse il detto che viaggiare ti apre la mente, e io e Marco abbiamo viaggiato davvero tanto, ma per noi non è stato un problema, anzi… forse il bello è stato proprio quello! Ospitare un estraneo (anzi molti!) in casa nostra e preparargli da mangiare… WOW!

restaurant day

Come ben sapete noi abbiamo voluto creare due eventi ben diversi: un’Happy Brunch e una Smile Dinner. Diciamo che ci siamo divisi gli eventi, per il primo ero io la “chef” e Marco l’aiutante cuoco e per la cena i ruoli si sono invertiti, lo Chef Marco aveva me come aiuto cuoco. Ha funzionato? Sì! Non è la prima volta che facciamo squadra (e brigata di cucina) visto che abbiamo cucinato tutto noi per il nostro matrimonio con quasi 100 invitati! La ricetta del restaurant day “vincente” è quella di riuscire a mettere intorno ad un tavolo persone che non si conoscono, se poi avete la fortuna di avere ospiti a livello internazionale come è capitato a noi ancora meglio!

restaurant day

Per l’Happy Brunch la maggior parte delle ricette ve le ho date nei giorni scorsi, e domani vi scriverò della Polenta Concia (Uncia) regina della serata, ha preso tantissimi applausi ed è stata richiesta per un bel po’ di tris…ma avrò modo di raccontarvi tutto domani!  Nel frattempo vi faccio vedere alcune foto di questa splendida iniziativa, e con il Restaurant Day ci rivediamo il 17 maggio 2014… non vorrete mancare vero?

restaurant day


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
  • Pagine

  • Ricette

  • Nelle mie pentole troverete anche..:

  • Tag

  • cosa ho cucinato fino ad ora?

  • Articoli recenti

  • Commenti recenti

  • Questo sito utilizza cookies di terze parti esclusivamente per il funzionamento dei plugin di social network, senza alcun intento di profilazione. Click su OK per presa visione e accettazione di questa informativa.

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi