50% quiche 50% torta salata … una ricetta buona al 100%!

15 ottobre 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

quiche torta salata porri e pomodori

In genere i porri li uso per il soffritto, per farci le zuppe, le frittate…ma questa è la prima volta che ci faccio una torta salata. Credevo di ottenere un gusto troppo forte, invece mi sono dovuta ricredere, non è proprio una torta salata, diciamo una mezza quiche e una mezza torta salata. Il bello è, che dall’idea che fosse una ricetta dal gusto troppo forte, sono arrivata all’idea di aver fatto la ricetta più delicata in assoluto! Mettete i porri, la panna e le uova all’interno del mixer e fate andare finché non otterrete la consistenza di una crema, salate e pepate a vostro piacimento.

quiche torta salata porri e pomodori

Stendete la pasta brisè nella teglia e bucherellatela con una forchetta, cercate poi di creare un po’ di bordi in modo che la crema non fuoriesca, versate la crema di porri e riponete in frigorifero in modo da farla rassodare per bene. Tagliate i pomodorini e usateli per decorare la torta nel modo che desiderate, come vedete dalle foto io ho deciso per una decorazione rettangolare, ma spazio alla vostra fantasia!

quiche torta salata porri e pomodori

Mettete in forno a 200° per almeno 40 minuti, dovrete ottenere quel fantastico colore dorato che vedete nelle foto. E’ buonissima da servire tiepida per un aperitivo e si sposa divinamente con le bollicine!

quiche torta salata porri e pomodori



INGREDIENTI: (Ricetta per 4 persone)
Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: meno di 30 min.

Pepe a piacere
2 uova
Sale a piacere
3 Porri
250 ml panna fresca
1 pasta brisè
pomodori


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Sedani rigati ai sapori d’autunno

25 settembre 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

pasta speck funghi

Lo sentite anche voi un po’ di fresco in più? Non freddo ma quel frescolino che ti fa mettere una felpina se esci la sera e magari un plaid leggero sul divano. Ovviamente anche in cucina si iniziano a cambiare gli ingredienti, ieri ho trovato dei fantastici porcini… vuoi non farli???? Ripulite bene i funghi, ma fatelo delicatamente, dovete solo levare l’eccesso di terra e le imperfezioni, e mai, ripeto mai lavarli! Al massimo potete inumidire uno straccio e dopo averlo ben strizzato ripulire eventuali residui di terra. Li ho tagliati a pezzetti non troppo piccoli, sappiate che durante la cottura perdono tantissimo di volume quindi non tagliateli troppo fini.

pasta porcini speck

Saltateli con poco olio e uno spicchio d’aglio che toglierete a fine cottura, fateli riposare mentre preparate il resto degli ingredienti.  Tagliate a striscioline lo speck e anche questo mettetelo da parte. In una padella fate andare lentamente il porro con il burro, mi raccomando il fuoco deve essere molto basso e nel caso servisse, aggiungete dell’acqua di cottura della pasta. Nella stessa padella inserite sia i funghi sia lo speck e spadellateli a fuoco alto in modo che i sapori si mescolino bene.

funghi porcini

Per ultimo aggiungete la panna, salate e pepate a piacimento e fatela asciugare in modo che diventi una crema con il resto degli ingredienti. Una volta cotta la pasta saltatela all’interno della pentola con lo speck e i funghi, se desiderate, aggiungete una manciata di parmigiano, ma assaggiatela pima, perché il formaggio in alcuni casi rischia di coprire alcuni sapori. Con questo frescolino è il piatto ideale!

porcini speck



INGREDIENTI: (Ricetta per 2 persone)
Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: meno di 30 min.

10 gr burro
160 gr Sedani rigati
100 gr Funghi porcini
50 gr Speck
1 Porri
1 spichio di aglio
70 ml panna


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Salsa al caramello

21 settembre 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

caramello

Tempo fa, per la festa di compleanno di un amico, ho portato la mia torta di pancakes, l’idea è carina perché ognuno si serve da solo, non c’è bisogno di affettare, non c’è bisogno di avere piattini o posate e ovviamente ognuno decide quanti pancakes prendere e quanta salsa aggiungere! Ecco oggi vi parlerò di questa salsa al caramello, è semplicemente paradisiaca, potete usarla come ho fatto io per accompagnare i pancakes, ma anche per decorare torte, farcire crepes, come top sul gelato oppure sullo yogurt, insomma come vi dico sempre spazio alla fantasia e al gusto! Dovete sapere che questa ricetta l’ho imparata a Londra, ebbene sì, mi hanno fatto provare la “loro” salsa al caramello e aveva decisamente una marcia in più! Credo che il trucco stia tutto nello zucchero usato, io la faccio con lo zucchero muscovado e il gusto è davvero fantastico. caramelloCome sempre quando si lavora, lo zucchero bisogna stare attenti ai tempi, infatti, in pochissimo tempo si rischia di bruciarlo completamente conferendogli un sapore decisamente amarognolo e sgradevole che non ha nulla a che fare con il caramello. In una pentola mettete a sciogliere a fuoco basso lo zucchero e l’acqua, a parte riscaldate la panna. Quando gran parte dello zucchero si sarà sciolto, spostatelo dal fuoco e ruotate la pentola in modo che si mescoli da solo, è importante non mescolarlo con nessun attrezzo in questa fase, deve “arrangiarsi” per conto suo! (lo so… vien voglia di… !!!!) Rimettete la pentola sul fuoco sempre basso e inserite a filo la panna calda, ora potete mescolare anche con una frusta. La prima reazione è quasi di cristallizzazione, ma vedrete che man mano si amalgamerà nella più buona delle salse! Potete tranquillamente conservarla in frigorifero per 4 o 5 giorni, ma in casa nostra non supera mai la giornata!!!!

    salsa di caramello



INGREDIENTI
Difficoltà: media
Tempo di preparazione: meno di 15 min.

5 cucchiai di acqua
150 gr zucchero
100 ml panna fresca


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Fragoline di bosco

25 giugno 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

fragole panna

Ebbene sì nel nostro giardino crescono le fragoline di bosco! Durano pochissimo soprattutto perché non fanno in tempo ad arrivare a tavola, infatti, tutti noi gironzolando per il giardino se ne vediamo una non possiamo fare altro che gnam! Buona, dolcissima e un ingrediente fantastico per dolci e abbinamenti con altra frutta, la fragolina di bosco è un vero gioiello della natura. Come vi dicevo noi amiamo mangiarle così senza tante sofisticherie, perché la frutta quando è buona lo è soprattutto da sola, ma avevamo ospiti e vuoi mettere offrire loro le fragoline di bosco del proprio giardino?  Stavolta ho voluto fare una cosa molto semplice, ho montato la panna con un po’ di zucchero e l’ho ricoperta di fragoline di bosco, un dolce semplice ma con un gusto unico!

 fragole

INGREDIENTI

Fragoline di bosco (mai abbastanza!)

Panna (in base agli ospiti e alla golosità che avete)

Zucchero (a vostro piacimento)

fragole


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Rose di panna cotta con sciroppo al mirtillo

7 giugno 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

panna

Queste le ho fatte qualche tempo fa, in una giornata un po’ piovosa e fredda, sì avete ragione potrebbe essere stata una qualsiasi giornata degli ultimi mesi! Avevamo voglia di dolci ma veloci, e quindi? Vai di panna cotta! Farla è estremamente facile e veloce, l’unica accortezza che vi chiedo è sulla temperatura, perché se diversa rischiate di creare un qualcosa dal gusto di panna cotta, ma non certo nella consistenza! Infatti, questo dolce non è una crema, né un budino, credo che la panna cotta sia panna cotta e basta! Procediamo con la ricetta. Prima di tutto anche se non avete mai usato la gelatina in fogli, non preoccupatevi, quella è la parte più facile, infatti, per prima cosa dovete mettete i fogli in una bacinella con dell’acqua fredda e per ora dimenticateveli. In una pentola dai bordi alti versate la panna, lo zucchero, il latte e i semi di vaniglia (mi raccomando non la vanillina bensì i semi quelli veri della bacca di vaniglia) fate scaldare a fuoco basso e curate perché in un attimo arriva al bollore, cosa che invece non deve avvenire, quindi dovete solo riscaldare e fare sciogliere bene lo zucchero. panna cottaUna volta fatto levate la pentola dal fuoco e mettetela su uno straccio da cucina ripiegato, strizzate i fogli di colla (sì lo ammetto è una sensazione strana!) e inseriteli nella panna e il latte. Ora con la frusta mescolate bene, per far sciogliere la gelatina in maniera ottimale. Fatta questa operazione, dovete solo inserire il composto negli stampini e riporre in frigorifero per almeno 6 ore, ammetto questa è la parte più difficile della ricetta, infatti, in casa nostra la metà vengono letteralmente divorate per “capire” se sono pronte! Esistono degli stampini appositi per la panna cotta, come alcuni trucchi per levarle meglio dallo stampino, bene io uso stampini in silicone e uso la tecnica del freezer, cioè dopo le 6 ore metto le panne cotte ancora nei loro stampini, nel freezer per almeno 20 minuti, e poi una volta che si sono indurite un po’ di più le sfodero e le decoro. A proposito di decorazione, ovviamente potete usare quello che più vi piace, io stavolta ho usato lo sciroppo di mirtillo, perché è quello che ho fatto in casa io e volete mettere la soddisfazione? Ma voi usate tranquillamente qualsiasi tipo di top, dal caramello alla fragola, e se siete audaci, vi consiglio l’aceto balsamico ai lamponi, è molto particolare e vi lascerà di stucco scoprire quanto siano azzeccati i due gusti! Questo è uno dei miei tanti esperimenti in cucina! panna cotta

Negli ingredienti vi metto la dose di zucchero che ho usato io, però dovete sapere che a me non piacciono i dolci troppo dolci, soprattutto di questo tipo dove vanno accompagnati con qualcosa di ancora più dolce, quindi sullo zucchero regolatevi un po’ voi assaggiando, cosa che dovreste fare sempre perché non tutti abbiamo lo stesso gusto, quindi quando cucinate assaggiate assaggiate e assaggiate, non smetterò mai di ripeterlo.

INGREDIENTI

1 litro di panna fresca

300 ml di latte

200 gr di zucchero

20 g di colla di pesce/fogli di gelatina

Semi di due bacche di vaniglia


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Panzotti

6 giugno 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

pasta sfoglia ripiena

… eccoli i miei Panzotti!!!!  In qualsiasi occasione li faccia ottengono sempre un enorme successo! Questi che vi propongo oggi sono ai formaggi, ma come ben capirete, potete farli con quello che volete, sono davvero versatili e ovviamente via alla fantasia per farli anche in versione dolce! Inserite nel mixer i vari formaggi con la panna e il pepe, e per ultime le patate lesse, dovrete ottenere un composto né troppo fluido né troppo consistente, perché nel primo caso vi ritrovereste un composto che se ne va da tutte le parti, senza darvi modo di chiudere bene le forme, nell’altro caso i panzotti avrebbero un ripieno troppo duro, e fidatevi abbinare una consistenza leggera e friabile con qualcosa di estremamente duro risulterebbe una delusione! Stendete la pasta sfoglia direttamente sulla teglia da forno che userete, mi raccomando usate la carta da forno! Posizionate il ripieno aiutandovi con un cucchiaio, che sia ben distante sennò non avrete modo di sigillarli per bene. Quando avete finito spennellate l’uovo sbattuto intorno al ripieno e poi posizionate l’altra pasta sfoglia sopra, come se fosse una copertina, in modo da coprire il tutto. Procedete pian piano facendo pressione con le dita per eliminare l’aria e sigillate tutto intorno. Io per tagliarli uso la rotellina, ma potete tranquillamente usare anche un semplice coltellino. Una volta tagliati, spennellate con l’uovo sbattuto e cospargete con i semi di sesamo, io adoro usare anche quelli neri perché fanno un bellissimo contrasto! Prima di infornare ripassate con la rotellina dove avete già tagliato, è il trucco per separarli meglio una volta cotti!  Forno preriscaldato a 200° e almeno 20 minuti, poi lo vedrete, perché si gonfieranno e diventeranno di un color oro fantastico! Prima di divorarli fateli raffreddare, come tutti i prodotti da forno, la temperatura interna è molto più alta! Io li uso come antipasti, ma anche come snack durante le feste, sono ottimi anche come contorno, magari con un ripieno di verdure! Li ho pure provati come scrigni di bontà nelle vellutate! Ma vi parlerò di questo “esperimento” culinario un’altra volta! Ovviamente ho sperimentato anche la versione con la pasta sfoglia vegana, come ripieno ho utilizzato delle farciture di verdure e tantissime semenze, oppure un impasto di legumi e spezie e se li volete fare dolci spazio alla frutta!

  pasta sfoglia

INGREDIENTI

2 patate lesse

Formaggi vari come il provolone, il parmigiano, la caciotta, l’emmenthal, la mozzarella ma quella per pizza, il galbanino, la fontina, ecc. ecc. potete usare tutti quei formaggi che si sciolgono al forno, ma che non perdono di consistenza.

Panna fresca quanta ne serve per ammorbidire bene il composto

Pepe a piacimento


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Torta salata

22 febbraio 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

cucina casalinga

Diciamoci la verità, c’è qualcosa di più rustico e casalingo della torta salata? Io le adoro in tutte le varianti possibili! Questa che vi propongo è come spesso mi capita il risultato degli avanzi che avevo in casa, quindi un po’ di verdura, qualche pezzo di formaggio, uova … insomma un ottimo modo per fare una gustosa torta salata.

Questa è la mia ricetta:

Tagliate le zucchine e le melanzane grigliate in pezzi non troppo piccoli, diciamo della grandezza di una noce, fate la stessa cosa con le patate e le carote. In una terrina inserite le uova, il formaggio e la panna e mescolate tra di loro questi ingredienti, ovviamente salate e pepate a vostro piacimento. Con la pasta sfoglia foderate la teglia che volete usare, bucherellate con una forchetta e riversate all’interno la miscela di uova, panna e formaggio, per ultimo adagiate in maniera disordinata le verdure.

Quando avrete finito con tutti gli ingredienti se desiderate, potete coprire con dell’altra pasta sfoglia, oppure lasciarla completamente scoperta… sarà comunque buona!

INGREDIENTI

1 rotolo di pasta sfoglia

Zucchine e melanzane grigliate (io ho usato 7  fette di zucchine e 4 fette di melanzane grigliate.)

Patate e carote al forno (una porzione)

2 uova

Parmigiano grattugiato (2 tazzine di caffè più o meno)

Panna da cucina (1 tazzina da caffè)


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Mele caramellate

15 gennaio 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->
 
Una mela al giorno…

mele caramellateMele caramellate, ecco cosa ho pensato quando mi sono ritrovata amici a cena e siamo arrivati al momento del dolce. Infatti dovete sapere che a me capita spesso di avere ospiti inattesi, che sia a pranzo o a cena, e la cosa ancora più inattesa per i più è che io mi diverto tantissimo, infatti, in poco tempo devo organizzare il tutto e io adoro inventare ricette con quello che ho. Ovviamente volevo offrire ai miei ospiti anche il dolce e queste mele caramellate sono nate così, improvvisate e spazzolate! Sbucciate le mele ed eliminate il torsolo lasciando la mela intatta, per farlo l’attrezzo migliore è il levatorsoli per l’appunto. Tagliate delle fette di circa un centimetro e cospargetele di succo di limone in modo da non farle annerire. In una padella con i bordi alti e antiaderente ho messo 200 gr di zucchero di canna soffice (io lo trovo presso i negozietti di prodotti etnici) lo riconoscerete perché sembra sabbia bagnata. In contemporanea fate scaldare anche l’acqua. Lo zucchero invece fatelo riscaldare a fuoco basso, appena starà per cambiare colore aggiungete a filo gli 80 ml di acqua (state attenti durante questa operazione perché è possibile che ci siano degli schizzi). Infine aggiungete le vostre fette di mele, rigiratele in questo sughetto in modo da ricoprirle completamente. Quando vedrete che le mele sono cotte e il caramello ben amalgamato togliete la pentola dal fuoco e inserite, 30 ml di panna liquida, alzate pure un po’ la fiamma e fate raddensare la vostra salsa. Io le ho guarnite con del gelato alla panna (portato dagli ospiti eh!), ma potete sbizzarrirvi con quello che volete!

dolci improvvisati

COSA AVEVO IN CASA PER FARE QUESTA RICETTA:

2 mele renette

200 gr di zucchero di canna soffice

80 ml acqua

20 ml di panna liquida

gelato


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
  • Pagine

  • Ricette

  • Nelle mie pentole troverete anche..:

  • Tag

  • cosa ho cucinato fino ad ora?

  • Articoli recenti

  • Commenti recenti

  • Questo sito utilizza cookies di terze parti esclusivamente per il funzionamento dei plugin di social network, senza alcun intento di profilazione. Click su OK per presa visione e accettazione di questa informativa.

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi