Ri-storante il nuovo appuntamento con il Restaurant Day

12 maggio 2015
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

Che bello, eccomi nuovamente ad organizzare il Restaurant Day!

restaurant day

Questa volta sarà un evento molto social e molto condiviso, infatti l’evento del Restaurant Day sarà un’ottima occasione per festeggiare il compleanno di Ri-Make! A questo link trovate tutte le info su questa bellissima iniziativa.

Restaurant Day Rimake

L’abbiamo voluto chiamare Ri-storante proprio per intrecciare al meglio i due eventi. Inizio con la descrizione della location: faremo una bella tavolata nella piazzetta davanti a Ri-Make in via Astesani 47 a Milano, e la cena si svolgerà all’aperto viste le belle serate che stanno avvolgendo Milano.

Restaurant Day Rimake

Abbiamo creato diverse combinazioni di menù in modo da venire incontro a tutte le esigenze, naturalmente abbiamo optato per prezzi pop e un menù veg oriented.

menù restaurant day

Vi aspettiamo numerosi al Ri-storante! Mi raccomando è obbligatoria la prenotazione in modo che il cibo non vada sprecato e che tutti possano avere la loro giusta porzione. Per maggiori informazioni e prenotazioni potete scrivere a consylincucina@gmail.com oppure a rimake@autistici.org

A sabato!

 per vostra curiosità eccovi i link dei precedenti Restaurant Day che ho organizzato:

http://www.consylincucina.com/restaurant-day/

http://www.consylincucina.com/la-ricetta-del-restaurant-day/

http://www.consylincucina.com/restaurant-day-guestbook/

http://www.consylincucina.com/restaurant-day-my-second-edition/

http://www.consylincucina.com/la-cena-degli-intolleranti/

http://www.consylincucina.com/gastronomia-casalinga/

 

 

 

 


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Cena in Bianco

3 luglio 2014
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

cena in bianco

In attesa di sapere dove faremo la Cena in Bianco di stasera, mi piaceva l’idea di raccontare un po’ l’esperienza.

Lo spirito è quello del flashmob, però in questo caso, personalmente, lo trovo molto più carino e conviviale. Come dice il “titolo” si tratta di una cena, il luogo rimane misterioso fino all’ultimo momento, i commensali sono invitati a vestirsi tutti di bianco e ad avere una bella tavola elegante, possibilmente senza stoviglie di plastica (anzi!) e poi credo che sia indispensabile avere tanta voglia di belle époque!!!

A me piace partecipare portando anche tutta la cena in bianco e non solo i vestiti e le tovaglie, quindi ecco alcuni suggerimenti e alcune delle ricettine che ho portato la volta precedente, invece per quelle di stasera dovrete aspettare… !

Consigli e ricettine:

Mozzarelline

Panini bianchi ripieni di crema di verdure

Zucchine bianche (senza la buccia) ripiene di riso bianco e formaggio

Insalata bianca con mele, sedano, finocchi, maionese bianca e pollo.

Spiedini di pesce spada con salsa bianca allo yogurt

e per finire dell’ottimo vino bianco con le bollicine!!!

cena in bianco

e stasera???? Sorpresa!!! ma nel frattempo mentre scrivevo è arrivata pure la location, e che location!

Niente di meno che il Palazzo Dugnani ai Giardini Pubblici Indro Montanelli !!!!

…. che state aspettando???

trovate un tavolino, una bella tovaglia bianca e venite a trovarci sarà come sempre una serata magnifica!!!

Qui tutte le info:

 https://www.facebook.com/cenaconme?fref=photo

 

 


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Borgomondo

17 aprile 2014
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

Chiaravalle

Borgomondo, ovvero, in molti mi chiedono come faccia ad amare Milano, una città alquanto complessa in termini di spazio e di urbanità, che negli ultimi anni sta crescendo a vista d’occhio e che in molti stanno criticando perché non sempre riesce a stare al passo… ma dal mio punto di vista è una città che ci prova, e all’interno del suo provarci ci sono così tante belle persone! Vivere in una città come Milano mette a rischio la capacità di vedere oltre i palazzi, gli happy hour, le strade della moda e il traffico… ma le capacità vanno anche raffinate e a volte imparate oppure intuite. Vi scrivo questo, dopo aver avuto la splendida occasione di partecipare al Mercato contadino a Chiaravalle, organizzato proprio da Borgomondo!

Chiaravalle

Dovete sapere che Chiaravalle è un quartiere di Milano ad un tiro di schioppo da casa mia, insomma un po’ come dire di abitare vicino al Duomo, tanta è la meraviglia di questo posto! Ma lo vedete dalle foto che è splendido e potrebbe risultare inutile sottolineare alcuni aspetti sia architettonici sia paesaggistici, ma diciamoci la verità le parole per descrivere Chiaravalle sono inutili, una volta arrivati qui il tempo semplicemente si ferma.

Chiaravalle

Quindi immaginate la mia esaltazione sia per la splendida location ma anche per la grande opportunità che mi è stata offerta, in pratica ho passato tutta una giornata con la vista dell’Abbazia davanti a me, in un contesto straordinario! … e in più ero anche in ottima compagnia visto che ho incontrato persone splendide! Due di queste sono sicuramente Daniela e Andrea, organizzatori di questo splendido mercato contadino e in primis i promotori di Chiaravalle Sostenibile, I Mondi del Mondo e Terzo Paesaggio.

Chiaravalle

Stanno cercando di far rivivere lo splendido borgo di Chiaravalle e lo fanno attraverso queste splendide iniziative, come viene descritto dal sito: “un mercato contadino permanente a filiera corta per sollecitare il consumo critico, la salute del suolo e dei contadini dei paraggi, un orto e un giardino condivisi, un neonato Gas di borgo, una residenza artistica, laboratori enogastronomici, workshop d’arte, di ecologia e di intercultura… La creazione di spazi e occasioni per praticare il “buon vivere”, per sollecitare consapevolezza, sensibilità e competenze; per creare lavoro”.  Per quelli che “non lo sapevo” “non ho fatto in tempo” “avevo altro da fare”, tranquilli mettete le vostre scuse da parte e preparatevi ad avere una seconda opportunità, infatti il mercato contadino lo rifaranno il 7 e l’8 giugno e vi consiglio vivamente di non perdervelo, ci sarò anche io con le mie ricette della cucina creativa!

Chiaravalle

Credo che la cosa più bella sia andarci in bici, anche se c’è un enorme parcheggio dove potrete parcheggiare la macchina, la bici rimane il mezzo più bello per arrivarci, verrete trasportati dal profumo dell’erba appena tagliata e dai paesaggi della natura con i suoi mille colori. Si capisce che ne sono rimasta entusiasta, vero? La vera chicca di questo mercato contadino è che l’hanno organizzato in modo che sia una continua scoperta, non aspettatevi il classico mercato, bensì lasciatevi trasportare dalla curiosità e dai piccoli sentieri. Quando penserete che sia finito dovrete ancora superare il ponticello di legno, oltre il quale troverete altri banchetti con prodotti eccezionali e sorrisi genuini.

Chiaravalle

Bancarelle cresciute in mezzo agli alberi in fiore e gazebi con tende leggere sono le varie tappe di questo percorso dedicato agli occhi e al palato, oltre alle piccole perle di artigianato come le creazioni di Liberedicreare, oggetti che traspirano passione e buon gusto. Continuando a curiosare troverete gruppi di laboratori per i più piccoli, ma anche gli studenti del Politecnico…  fidatevi, passerete una splendida giornata!

Borgomondo


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Braciole messinesi (le ciliegie dei carnivori!)

26 giugno 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

braciole involtini

E’ l’incontro con gli altri che ci arricchisce, quel semplice e genuino dare e avere che si tramanda da secoli. Qualche anno fa ho incontrato una persona che poi è diventata un’amica, lei mi ha fatto conoscere e assaggiare i “messinesi” è stato amore al primo assaggio! Scommettiamo che lo sarà anche per voi? Prima di tutto un po’ di curiosità lessico culturali, infatti, la mia amica mi raccontava che in Sicilia il pangrattato è chiamato “mollica”, invece qui a Milano la mollica è la parte morbida all’interno del pane, detto questo io per questa ricetta uso sia l’uno che l’altra! Lo faccio perché trovo che siano molto più morbidi con la mollica milanese e molto più saporiti con quella messinese! Come vedete dalle foto sono degli involtini, ma in Sicilia sono chiamate Braciole, invece sempre qui a Milano le braciole sono una buonissima parte del lombo, che a sua volta si divide in 3 parti (carré, lonza e capocollo), ebbene dal carré si ricavano le buonissime braciole di suino. Ma non credetevi che le braciole messinesi siano da meno, anzi, personalmente le preferisco! Passiamo alla ricetta, inserite la mollica (pangrattato) in una ciotola e condite con l’olio, il prezzemolo, l’aglio, il pecorino e il parmigiano e poi dividete il composto a metà, una parte vi servirà come farcitura e l’altra come impanatura.  Allargate bene le sottili fette di manzo e inserite metà della mollica (pangrattato), la mollica fresca, il prezzemolo e il caciocavallo, poi procedete con la chiusura. Il trucco è girare i lembi esterni verso involtinil’interno, creando una specie di barriera laterale e poi avvolgerli su se stessi. La mia amica mi ha consigliato di ungere le fettine di carne, ma io dopo averle provate senza, le preferisco, sono meno pesanti e trovo che si cuociano meglio, infatti, l’olio contenuto nella mollica basta e avanza per una cottura ottimale. Per ultimo impanateli nella mollica (pangrattato), non tantissimo, giusto quella che rimarrà sulla carne e poi cuoceteli per pochissimi minuti su una padella antiaderente, con zero olio o burro! Quando li cucino a casa non uso infilzarli sugli stecchini, ma vi suggerisco di farlo se volete cucinarli alla griglia. Sono buonissimi e l’ultimo consiglio che vi posso dare è di farne sempre di più rispetto a quelli che siete, perché sono le ciliegie dei carnivori!

 involtini

INGREDIENTI

500 gr di fettine sottili di manzo

150 gr di pangrattato

100 gr di mollica fresca

25 gr di pecorino

25 gr di parmigiano

1 spicchio di aglio tritato

Prezzemolo

80 gr di caciocavallo

5 cucchiai di olio extravergine di oliva


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Conchiglie invernali

7 febbraio 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

aspettando l'estate

In questi giorni Milano ci sta regalando delle giornate primaverili che mi hanno fatto pensare alle ferie e al mare, quindi non potete perdervi questa mia ricetta con le conchiglie… invernali ovviamente!

Preparate un impasto di ricotta, spinaci (prima leggermente saltati in pentola), uova, parmigiano reggiano, noce moscata e sale quanto il vostro gusto ne richiede. Per una teglia da 6 persone ho usato ¾ di una confezione da 250 gr di conchiglie. La farcitura potete farla in questa maniera: prendete 2 uova e sbattetele leggermente con il parmigiano e la noce moscata, poi inserite la ricotta e infine gli spinaci. Lasciate riposare il tutto per almeno 15 minuti in frigorifero, giusto il tempo di sbollentare le conchiglie. Il consiglio che vi posso dare sul quanto farle cuocere è semplice, se per un’ottima cottura servono 12 minuti e questo dipende dal formato e dalla tipologia delle conchiglie che avete, per usarle in questa ricetta ve ne serviranno solo 6, perchè finiranno la loro cottura in forno, quindi fatele bollire esattamente la metà del tempo che servirebbe per cuocerle in modo ottimale.

Scolatele e fatele asciugare, nel frattempo se siete pratiche a usare una saccapoche riempitela con la farcia e incominciate a farcire le conchiglie, tranquille se non ce l’avete! Aiutatevi con i cucchiaini da caffè!

Man mano che le farcite posizionatele nella teglia che avrete unto con un po’ di burro. Solo alla fine preparate la besciamella, in modo che la pasta e la farcia abbiano il tempo di “conoscersi”!

Questo è un vecchio trucco che mi ha dato una signora incontrata nelle Marche, diceva che gli alimenti sono come le persone, non potete solo invitarle in una stanza, bensì dovete dargli tempo per conoscersi tra di loro per creare una buona e giusta armonia.

ricordi d'estate


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
  • Pagine

  • Ricette

  • Nelle mie pentole troverete anche..:

  • Tag

  • cosa ho cucinato fino ad ora?

  • Articoli recenti

  • Commenti recenti

  • Questo sito utilizza cookies di terze parti esclusivamente per il funzionamento dei plugin di social network, senza alcun intento di profilazione. Click su OK per presa visione e accettazione di questa informativa.

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi