Polpette vegane

10 febbraio 2014
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

polpette vegane

Ok io non sono vegana, ma adoro mangiare vegano e inventare nuove ricette per i miei amici vegani! Eccomi quindi a fare esperimenti in cucina facendo queste polpette vegane per il mio Happy Brunch durante il Restaurant Day! Io le ho provate nei panini, al sugo, da sole e poi come spiedini… gira che ti rigira queste polpette vegane sono fantastiche!

polpette vegane

Premetto che la lavorazione è un po’ lunga, ma mettete della buona musica e sorseggiate un po’ di buon vino mentre le preparate, fidatevi il tempo volerà e alla fine avrete delle polpette vegane davvero buone! Gli esperimenti per essere chiamati tali devono sicuramente aver passato mille prove e combinazioni… ecco anche i miei esperimenti in cucina funzionano così! Quindi vi sto dando la ricetta finale, quella a cui sono arrivata dopo tante smorfie e tanti bleah, ricompensata dal fatto che alla fine ho esordito con un hmmmmmmm che bontà! Questo per dirvi che il gusto vi ricompenserà del tempo che ci avrete impiegato a farle!

polpette vegane

Fate soffriggere nell’olio le cipolle con l’aglio, il sedano, le carote, il peperoncino e varie spezie a piacimento. A parte dovrete tagliare a quadretti i pomodori secchi, il tofu, le patate e le rape bianche (le patate e le rape vanno prima fatte lessare, l’acqua non va buttata in quanto servirà per ammorbidire l’impasto all’occorrenza). In un’altra pentola cuocete il riso integrale. Quando il soffritto sarà pronto inserite il tofu, le patate e le rape e amalgamate il tutto a fuoco lento. Per ultimo dovrete inserire le arachidi, il riso, i ceci, i piselli e i semi di soia. Armatevi di un buon cucchiaio per girare il tutto, perché man mano prenderà consistenza e l’impasto sarà sempre più duro. Togliete dal fuoco e fate riposare a coperchio chiuso.  In una teglia con la carta da forno cospargete un po’ di olio, e poi aiutandovi con il cucchiaio per il gelato prendete dall’impasto la giusta dose per fare delle polpette, sistematele una vicina all’altra e cospargete con del pane Carasau tritato (il pane Carasau che utilizzo è senza lievito). Come avrete notato non ho menzionato il sale e infatti non l’ho messo, i pomodori secchi e le arachidi danno alle polpette la giusta sapidità, ma voi provatele e poi regolatevi. Dovranno stare in forno per almeno 35 minuti a 200°, ma dipende dal vostro forno, più che altro devono prendere un bel color oro.  Una volta pronte potrete servirle nei panini come vedete dalla mia foto, oppure farle al sugo, personalmente le ho pure fatte anche alla griglia come spiedini! Se mi verrete a trovare per l’Happy Brunch le proverete  con delle salse di accompagnamento.



INGREDIENTI: (Ricetta per 6 persone)
Difficoltà: media
Tempo di preparazione: massimo un'ora

Olio extra vergine di oliva a piacere
30 semi di soia
80 gr ceci
50 gr arachidi
180 gr riso integrale
150 gr rape bianche
150 gr tofu
spezie varie a piacere
1 gambo di sedano
peperoncino a piacere
1 cipolla
50 gr piselli
200 gr patate
20 gr pomodori secchi
2 carote
1 Spicchio di aglio
pane carasau tritato a piacere


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Macedonia di frutta e verdura, una ricetta piena di energia

22 ottobre 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

ricetta sana

Ci sono giorni in cui sono più stanca di altri, come se l’energia non riuscisse a caricarsi e nonostante le giuste ore di sonno e una vita equilibrata faccio proprio fatica a carburare! Però ho la ricetta giusta e quindi già da stasera mi sentirò in gran forma!  La mia super coppa di “buono” inteso veramente come buono e non solo perché è salutare, ma perché questi sapori e colori si sposano perfettamente e vi daranno la giusta carica come hanno fatto con me! Decidete voi cosa inserire, l’importante è che sia tutto crudo, io ci ho messo peperoni verdi e rossi, la parte verde delle zucchine, cuori di palma, gambi di sedano, rapanelli, mele, carote, melograno, uva, papaya…

Ho condito con del succo di arancia, olio extravergine e pepe rosa…. e ora chi mi ferma più?


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Cusa l’è cusa l’è la mia versione del cous cous

4 ottobre 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

Cusa l’è cusa l’è

Cusa l’è cusa l’è. Ecco un piatto provato in mille modi, in mille posti e in mille colori! Personalmente ho avuto il piacere di provarlo direttamente nella piazza di  Jāmiʿ el-Fnā a Marrakech in Marocco, buono, anzi buonissimo, sia con la carne sia con le verdure. L’ho provato anche in Tunisia, in Egitto, in Turchia e in Kenya! E’ uno di quegli ingredienti così versatili e così semplici che si prestano a tantissime ricette, quindi non è possibile dire come sia la “vera” ricetta del cous cous, bensì bisogna andare a proprio gusto e io l’ho fatto usando semplici verdure e altri abbinamenti. Mi piace chiamarlo Cusa l’è cusa l’è, perché un po’ il nome richiama il cous cous e poi perché in quel mix di colori non si riesce mai a capire cosa ci sia dentro… e quindi? Dai che ve lo spiego!

cous cous

Il mio cous cous è fatto di pochissimi ingredienti, però, cucinati tutti a parte e solo dopo uniti. Questo metodo fa in modo che ogni ingrediente abbia la sua giusta cottura e che il sapore non sia coperto durante la preparazione.  Tagliate le carote a piccoli dadini e fatele saltare in padella con l’olio, la cottura dovrete farla in due tempi, nella prima parte le farete saltare a fuoco alto in modo che lo zucchero che contengono si caramellizzi e poi terminate di cuocerle a fuoco basso così non bruceranno. Passate poi a preparare le zucchine di cui userete solo la buccia, lavandola molto bene prima dell’uso, anche e soprattutto se è un prodotto è biologico, mi raccomando! Tagliatela spessa almeno di un cm. e poi a dadini come avete fatto per le zucchine. Saltatele con l’olio a fuoco alto continuando a spadellarle, non devono cuocere tanto, giusto il tempo che si ammorbidiscano e prendano un bel colore.

cous cous Il terzo ingrediente, fondamentale, per il mio cous cous sono i pomodori secchi, assolutamente indispensabili secondo il mio gusto personale, infatti, conferiscono al piatto una marcia in più e mi danno la possibilità di non usare il sale… tagliateli a dadini più piccoli rispetto alle carote e alle zucchine, proprio perché salati è meglio che siano più amalgamabili. Questi non dovrete cuocerli bensì andranno direttamente così nel cous cous. Le nocciole sono un ingrediente un po’ particolare, è vero, ma quando assaggerete questa ricetta, capirete che è quell’ingrediente in più che prende per mano tutti gli altri. L’ho provato anche senza, ma sembrava che gli mancasse un qualcosa, quindi ho aggiunto vari tipi di ingredienti, ma nessuno sembrava fosse quello giusto… poi l’incontro con le nocciole ha completamente cambiato il piatto conferendogli l’intonatura giusta! Non tritatele, bensì a coltello cercate di tagliarle finemente, in modo che siano un po’ più grandi del cous cous.

cous cous

Infine il cous cous, ne troverete di tantissimi tipi, dal piccolo al grande, da quelli già precotti a quelli da cuocere. Sotto questo punto di vista decidete voi quale usare in base al vostro gusto personale e alle vostre tempistiche. Io per curiosità li ho voluti provare tutti, perché volevo capire la loro peculiarità e quale mi fosse più consono come gusto e preparazione.  Ognuno ha una cottura diversa, sulle confezioni troverete le spiegazioni. Quello più semplice è aggiungere dell’acqua calda al cous cous e coprirlo, però l’acqua deve essere misurata giusta per la dose di cous cous sennò s’impregnerà troppo e non sarà bello sgranato, viceversa con poca acqua sarà troppo duro.

cous cous

Dopo che avrete preparato il cous cous versateci un cucchiaio di olio e sgranatelo con una forchetta, infatti, queste perline non dovranno attaccarsi l’una all’altra. Versate le zucchine con il loro relativo sughetto, le zucchine e i pomodori, infine le nocciole. Spesso faccio tante verdure saltate e poi creo delle mini porzioni da congelare, in modo da avere sempre a portata di mano la possibilità di fare un cous cous dell’ultimo momento. Questa è il Cusa l’è cusa l’è, la mia ricetta del cous cous, ma voi provate a farne di tutti i tipi e con i più svariati abbinamenti, come dico sempre spazio alla vostra fantasia e creatività in cucina!



INGREDIENTI: (Ricetta per 4 persone)
Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: meno di 30 min.

Olio extravergine di oliva a piacere
2 Zucchine
280 gr cous cous
4 carote
50 gr pomodori secchi
80 gr nocciole


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Torta di verdure e formaggio

26 marzo 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

4 salti in padella fatti in casa

Spesso mi capita di non avere un attimo per cucinare, ma per questi momenti mi porto avanti nei periodi in cui la voglia e il tempo non manca. Questo è una ricetta da “4 salti in padella”  ovvero i miei personali surgelati, nel senso che preparo queste torte in monoporzioni e le surgelo. All’occorrenza le metto  dentro al microonde e dopo 5 minuti ho un piatto pronto, buono e davvero facilissimo da preparare tanto è semplice. Personalmente ritengo che i prodotti di piatti surgelati in commercio non potranno mai uguagliare e nemmeno avvicinarsi a quello che potete preparare voi da soli, come vedete è estremamente facile e sicuramente con zero glutammato! cucinare le verdure Affettate le verdure in dadini e in strisce lunghe e sottili, spadellatele di ciascun tipo con poco olio (hanno cotture diverse, per questo fatene prima di un tipo e poi dell’altro), non devono essere cotte bensì deve formarsi una leggera crosticina, potete fare il tutto usando sempre la stessa padella ovviamente. Salate e pepate a piacimento. Bene in pratica avete finito, non vi rimane che creare strati di verdure e formaggio e mettere il tutto in forno.

INGREDIENTIcucinare vegetariano

Zucchine

Carote

Finocchi

Formaggi vari (provolone, parmigiano, mozzarella)


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Spezzatino di verdure per gli amici veggie

12 marzo 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

spezzatino

Ho molti amici vegetariani e quindi mi piace inventarmi nuovi piatti con cui invitarli a cena e questo è un super piatto anche per i palati “veggie” più esigenti.

Tagliate le cipolle e mettetele a cuocere a fuoco basso, bagnandole con del brodo vegetale di tanto in tanto onde evitare che si brucino. Devono “stufare” quindi ci vorrà un po’. A parte tagliate a dadoni delle patate, delle carote e dei gambi di sedano, tutti insieme fateli rosolare con poco olio in una padella antiaderente, deve formarsi una leggera crosticina, quando l’avrete ottenuta, spegnete il fuoco e lasciateli da parte.

Nella padella con la cipolla inserite i fagioli rossi e fateli rosolare un po’ a fiamma alta, versate il bicchiere di vino rosso e fate sfumare. Una volta che il tutto si sarà amalgamato, frullatelo con il mixer a immersione (risulterà molto denso), inserite le vostre verdure e allungate il tutto con il brodo vegetale in modo che copra completamente le verdure. Fate andare a fuoco lento per almeno una ventina di minuti et voilà avrete ottenuto uno spezzatino veggie di tutto rispetto! Lo trovo ottimo anche con la polenta, ma in questo caso ho voluto servirlo con del cous cous.

INGREDIENTI

2 cipolle

2 patate medie

2 carote medie

2 gambi di sedano

250 gr di fagioli rossi cotti

1 bicchiere di vino rosso

brodo vegetale

80 gr di cous cous a testa


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Minestra di orzo e verdure

4 marzo 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

verdure di stagione

Questa ricetta è abbinata alla “Rubrica della Tavola Rotonda” questo mese il tema è la Comprensione, credo che il miglior modo per comprendere sia quello di confrontarsi il più possibile con quello che ci sta attorno. Per esempio le verdure di questa ricetta, ognuna con la propria peculiarità, ognuna con una cottura diversa e differenti modi d’uso, ma anche cucinandole tutte insieme fanno un ottimo piatto. Ecco per me la comprensione è questa, capire che si può ottenere il meglio sia da soli che insieme agli altri, comprendere i propri ritmi e le proprie esigenze è già un ottimo inizio. L’importante è essere sempre se stessi e quindi tornando ai fornelli, usate le verdure di stagione come primo passo di comprensione, è un modo per capire la natura e il suo corso, vi ripagherà con sapori del tutto naturali e il vostro ritmo ne gioverà sicuramente.

Le minestre sono quei piatti che amo preparare chiacchierando, sì perché ci vuole un po’ di tempo per pulire, tagliare e preparare tutte le verdure, quindi perché non farlo chiacchierando del più o del meno, magari con un bel bicchiere di vino!

Se desiderate, potete ridurre i tempi usando delle verdure congelate e altre in scatola, se invece desiderate “chiacchierare” per un bel po’ vi consiglio di procedere nella maniera seguente: la sera prima mettete in ammollo i piselli e i fagioli in due ciotole diverse e con dell’acqua fredda, così il giorno dopo avrete dei legumi pronti all’uso.

Tagliate a dadini cipolle, carote, zucchine, patate e il sedano, fate rosolare con dell’olio extravergine di oliva e poi nella stessa padella inserite i legumi. Ricoprite il tutto con del brodo vegetale in modo che ci siano circa 3 dita di liquido superiore alle verdure e fate andare a fuoco lento per almeno 2 ore. Al termine della prima ora inserite l’orzo e salate e pepate a vostro piacimento.

Rifinite il tutto con un filo di olio extravergine di oliva e se desiderate del Parmigiano Reggiano grattugiato.

INGREDIENTI

1 cipolla grossa

2 carote

1 zucchina

1 patata grande

1 gambo di sedano

200 gr di piselli

200 gr di fagioli (per questa ricetta ho usato i borlotti)

brodo vegetale

100  gr orzo (per questa ricetta ho usato quello perlato)

Buona minestra e buona chiacchierata!!!

 

 

tavola rotonda


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Rollè di salmone

1 marzo 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

salmone diverso

Rollè di salmone, ovvero siete stufi della solita fetta di salmone? Bene, con questa ricetta gli cambierete aspetto e sapore! E’ una ricetta facilissima e veloce, ottima come spuntino per un pranzo mangia e scappa, però si presta perfettamente anche come antipasto per una cena importante. L’ho provata anche con la versione degli asparagi invece dei carciofi e vi assicuro che sono squisite tutte e due le versioni. Ma passiamo alla preparazione, io ho usato delle fette di salmone al naturale perché volevo dargli un sapore completamente nuovo e infatti questo rollè di salmone vi stupirà per il sapore intenso e nello stesso tempo morbido. Ho messo le fette di salmone in una pirofila e le ho fatte marinare nell’olio, zenzero grattugiato e succo di mandarino (a differenza del limone vedrete che la carne del salmone rimarrà del suo bel colore).

Mentre le fette di salmone si godono la marinatura  fate saltare in padella dei dadini di zucchine, direi piuttosto piccoli, della stessa dimensione tagliate anche le carote e i gambi di carciofi, il tutto con poco olio, sale e pepe a piacimento. Essendo tagliati in piccoli dadini si cuoceranno molto velocemente e a dir la verità se rimanessero leggermente croccanti sarebbe meglio, infatti darebbero al piatto un po’ di croccantezza in più. Una volta terminata la cottura lasciate che le verdure si raffreddino leggermente, sennò vi cuocerebbero a tratti il salmone.

Mentre loro si raffreddano stendete le fette di salmone sulla pellicola da cucina (vi servirà per arrotolarle meglio) e farcitele con le verdurine saltate, arrotolate il tutto aiutandovi con la pellicola e dategli la forma di un rollè, se desiderate potete mettere nel piatto un po’ di insalata di stagione e adagiarvi sopra il rollè ed ecco che il pranzo è servito! Per chi desiderasse dare un po’ di cremosità al piatto vi consiglio di usare una crema composta da panna acida ed erba cipollina.

INGREDIENTI

fette sottili di salmone

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 cucchiaio di zenzero fresco grattugiato

1 mandarino

1 zucchina

1 carota

3 gambi di carciofo

come si cucina il salmone


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Tagliatelle di carote

5 febbraio 2013
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

ingannare la vista

Voglia di tagliatelle, voglia di pasta… soprattutto quella fatta in casa, MA al momento sto facendo la dieta legata alle intolleranze alimentari e quindi per un po’ la pasta, me la devo scordare!  Le voglie però sono legate anche all’occhio nel mio caso e quindi mi sono bellamente inventata le tagliatelle di carote! Dopo aver pelato le carote con il pelaverdure, utilizzate lo stesso attrezzo per ricavare delle strisce lunghe come tutta la carota, saltatele con un po’ di olio in padella e il gioco è fatto!

trucchi per una buona dieta

Carote che si travestono da tagliatelle

 

 

 


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites

Armonia di Filetto

20 dicembre 2012
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
-->

Filetto lightA volte penso che ci siano dei piatti che solo dal nome facciano gola, per esempio il Filetto in Crosta, solo a scriverlo mi è venuta voglia!!

Andando però a vedere in cosa consiste e  com’è fatta la crosta, ci si rende subito conto che tra intolleranze, diete e grassi forse è meglio evitarlo! Ma questo, ovviamente, è da applicare solo in quei (tristi) momenti della vita dove si vuole ridurre un po’ l’apporto calorico dei cibi che mangiamo, però CREDETEMI, se ne avete la possibilità, non lasciatevi sfuggire l’opportunità di mangiare questa prelibatezza! Mi sono quindi chiesta come ovviare a questo desiderio? Semplice! Ho sostituito la crosta con le verdure e ancora non contenta ho voluto anche sperimentare il filetto di maiale! Beh è venuto fuori un bel piatto, buono buono e secondo me bellissimo da vedere. In pratica tagliate dal vostro filetto di maiale dei medaglioni dell’altezza di 2 cm c.a., poi avvolgeteli con fette sottilissime di carote e zucchine (che prima avrete oliato e leggermente salato e pepato) se desiderate, potete alternare le due verdure, ma il mio consiglio è avvolgere prima le zucchine poiché hanno dei tempi di cottura molto inferiori alle carote, e rischiano di sfaldarsi nella parte centrale. A vostra scelta se “sigillare” il tutto con gli elastici da cucina come ho fatto io oppure con degli stuzzicadenti. Oliate leggermente la pentola e mantenete un fuoco medio, ricordatevi che le verdure hanno una cottura molto più veloce della carne (in questo caso poi, essendo carne di maiale, non vi suggerisco di farne un sashimi!) Questo piatto l’ho chiamato “Armonia di Filetto” perché mi ha messo in pace la voglia di quello in crosta!!!


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Delicious
  • Pinterest
  • RSS
  • Add to favorites
  • Pagine

  • Ricette

  • Nelle mie pentole troverete anche..:

  • Tag

  • cosa ho cucinato fino ad ora?

  • Articoli recenti

  • Commenti recenti

  • Questo sito utilizza cookies di terze parti esclusivamente per il funzionamento dei plugin di social network, senza alcun intento di profilazione. Click su OK per presa visione e accettazione di questa informativa.

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi